Da vedere in Valle Camonica

La Valle Camonica si sviluppa per 90 km circa dal lago d’Iseo al passo del Tonale. Sono tanti i luoghi che solleticheranno la tua curiosità, gli itinerari che potrai percorrere a piedi, in bici, in moto o in auto.

Questo territorio ospita il primo sito italiano ad essere stato annoverato nel patrimonio dell’umanità dell’Unesco (1979), ovvero il più grande comprensorio europeo di arte preistorica (dall’8.000 a.C. alla colonizzazione romana), con oltre 300.000 incisioni su pietra. Sparse un po’ in tutta la valle, le incisioni rupestri si concentrano all’interno di alcuni parchi: il principale è il Parco Nazionale di Naquane, a Capo di Ponte, situato in corrispondenza delle due montagne “sacre” per gli antichi camuni, il massiccio della Concarena e il Pizzo Badile. Sempre a Capo di Ponte potrai visitare anche il Parco dei Massi di Cemmo, risalenti all’età del Rame (3.000 – 2.000 a.C.) e ricchi di incisioni a loro volta, il Parco Archeologico di Seradina-Bedolina e il MUPRE, Museo della Preistoria. Altri siti di arte rupestre sono il Parco di Luine (comune di Darfo-Boario Terme) e la Riserva di Ceto-Cimbergo-Paspardo.

Bienno, dove ci troviamo, è un borgo medievale di 3.500 abitanti che presenta il centro storico meglio conservato di tutta la Valcamonica. Esso appartiene al Club “I Borghi più Belli d’Italia”, riconoscimento che nel 2014 gli è valso il quinto posto a livello nazionale nel concorso popolare “Il Borgo dei Borghipromosso dalla trasmissione RAI “Alle Falde del Kilimangiaro”. Bienno ha altresì ottenuto la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, ovvero il marchio di qualità turistico-ambientale delle piccole località, e la certificazione ambientale EMAS. Passeggiare tra le viuzze del centro storico, forse ancor più suggestive di sera grazie a un sistema di illuminazione ben calibrato, sarà un po’ come tornare indietro nel tempo.

Di grande interesse sono:

  • Il Mulino ad acqua del Quattrocento, che ancora oggi produce farina macinata a pietra e ospita al piano superiore il Museo della Vita contadina.
  • La Fucina Museo, alimentata, come il Mulino, dal canale “millenario” Vaso Re che ha fatto la storia e la fortuna del “Borgo dei Magli”. Qui il ferro veniva forgiato utilizzando un maglio ad acqua, operazione alla quale ancora oggi è possibile assistere in occasione di manifestazioni quali la Biennale di Forgiatura e la Mostra Mercato.
  • Tra le chiese spicca senz’altro quella dedicata a Santa Maria, che presenta gli affreschi cinquecenteschi di Girolamo Romanino.
  • A fine agosto si tiene la Mostra Mercato Arti&Mestieri, una delle più importanti mostre dell’artigianato in Italia, con oltre duecento espositori ospitati all’interno di cortili e cantine che per l’occasione vengono aperti al pubblico, rendendo ancora più affascinante il centro storico di Bienno. Potrai curiosare tra gli stand di artigiani e artisti, assistere a spettacoli e intrattenimenti musicali, partecipare ai corsi di artigianato, vedere all’opera i maestri forgiatori o gustare i piatti tipici della tradizione camuna in uno dei numerosi stand gastronomici allestiti per l’occasione.

A pochi chilometri da Bienno ti aspettano le vestigia romane dell’antica Civitas Camunnorum (Cividate Camuno), del Tempio di Minerva (Breno) e il Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica (Cividate Camuno), che ospita reperti risalenti al periodo compreso tra la preistoria e l’età romana.

Se desideri andare alla ricerca di “piccoli” tesori, la Valle Camonica ti riserverà piacevoli sorprese: le settecentesche statue lignee a grandezza naturale della Via Crucis di Cerveno, le chiese della Santissima Trinità e di Santa Maria Assunta di Esine, la Pieve di San Siro e il monastero di San Salvatore (romanici) a Capo di Ponte, i sentieri, le trincee e i manufatti della prima guerra mondiale tra il parco dell’Adamello e quello dello Stelvio, il Museo della Guerra Bianca a Temù, il Museo dell’Energia Idroelettrica di Cedegolo, il suggestivo lago Moro (Boario Terme), il “canyon” della Via Mala e molto altro. Come tutti i tesori, però, dovrai armarti di pazienza e progettare attentamente le visite, destreggiandoti in alcuni casi tra orari e giorni di apertura limitati.

Se preferisci la vacanza attiva, la Valle Camonica ha molto da offrirti:

  • piste ciclo-pedonali e passi alpini che sono entrati nella storia del Giro d’Italia (Gavia, Mortirolo, Tonale e Crocedomini);
  • i parchi dell’Adamello e dello Stelvio;
  • i tanti percorsi per il trekking estivo, tra cui spicca il Sentiero n. 1 Alta Via dell’Adamello (la cui partenza è a pochi km dal nostro B&B), con i suoi 65 km oltre i 2.000 mt da percorrere in 5 tappe, pernottando nei rifugi;
  • percorsi per MTB;
  • i corsi di sopravvivenza di Wolfpack Survival, una delle più quotate scuole italiane, che tra le sue sedi annovera anche Bienno;
  • il comprensorio sciistico Adamello Ski (tra i maggiori delle Alpi), con i suoi 100 km di piste e i percorsi per le ciaspole;
  • le stazioni sciistiche di Borno – Monte Altissimo e Montecampione Ski Area.

Durante il soggiorno potrai anche trascorrere una giornata nel vicino Lago d’Iseo dove, tra le altre cose, potrai visitare altri due “Borghi più Belli d’Italia” (Montisola, l’isola lacustre più grande d’Europa il cui eremo raggiunge i 600 mt s.l.m., e Lovere con il suo bel lungolago), Pisogne, con la Chiesa di Santa Maria della Neve interamente affrescata dal Romanino, le piramidi “fatate” di Zone ecc.

Se invece preferisci solo il relax o sei alla ricerca di un’alternativa in un giorno di pioggia, puoi prenotare il percorso benessere presso la SPA delle vicine Terme di Boario.

Print Friendly